Da non perdere

La Cina dichiara illegali le criptovalute

Scritto da in data 25 Settembre 2021 0 232 Views

Buone notizie almeno per il mercato delle GPU.

Il Partito Comunista Cinese si è sicuramente tenuto impegnato negli ultimi tempi, in particolare riguardo alle nuove tecnologie. Il paese è uno dei più grandi mercati di criptovaluta del mondo, ma il governo è stato a lungo sospettoso nei confronti di bitcoin e simili e ha ufficialmente vietato il commercio nel 2019 (sebbene fosse in grado di continuare attraverso l’uso di scambi esteri). Ora il PCC ha fatto un ulteriore passo avanti: la People’s Bank of China ha annunciato oggi che tutte le transazioni di criptovaluta sono divenute illegali.

La dichiarazione tradotta è breve e non così delicata: “Le attività commerciali legate alla valuta virtuale sono attività finanziarie illegali [e] mettono seriamente in pericolo la sicurezza dei beni delle persone”. Rende esplicito che impegnarsi in tali attività è ora un crimine e sarà perseguito e che anche i siti Web stranieri che offrono tali servizi ai cittadini cinesi sono illegali.

Questo è quanto citatto dai funzionari del governo che si sono espressi contro la continuazione del commercio di criptovalute e hanno avvertito i trader che non avrebbero avuto protezione legale per i loro investimenti. A giugno il PCC ha ordinato alle banche e alle piattaforme di pagamento di interrompere tutte le transazioni e ha emesso il divieto di estrarre criptovalute. Quest’ultimo ha visto un enorme cambiamento nel modo in cui vengono estratte alcune criptovalute come Ethereum (e molte schede grafiche appaiono improvvisamente sul mercato), che ora è principalmente negli Stati Uniti (sebbene l’8,5% di Ethereum sia ancora estratto in Cina).

È quindi probabile che assisteremo a un altro cambiamento nei prossimi mesi perché, nonostante le restrizioni, la Cina è stata fino ad ora un mercato di criptovalute così grande (elettricità a basso costo ed elettronica a basso costo è una combinazione imbattibile). Il Bitcoin Electricity Consumption Index dell’Università di Cambridge stima che, nell’aprile 2021, la Cina fosse responsabile del 46,04% della produzione globale di Bitcoin: non così grande come una volta, in altre parole, ma comunque un mercato assolutamente enorme.

A breve termine diverse criptovalute sono crollate di valore, con bitcoin che ha perso circa £ 1500 / $ 2000 di prezzo (ha perso circa il 10% del suo valore in una settimana).

Fare casino con il PCC non è nella lista delle cose da fare. La loro logica è sempre stata che le criptovalute sono un investimento imprevedibile e sciocco, nonché un mezzo di riciclaggio di denaro. Se un governo può regolare efficacemente le criptovalute fuori dalla sua società è ora un esperimento ancora in corso.

Fr3nkMara
  Novità
Copyrighted.com Registered & Protected