Da non perdere
  • Home
  • Novità
  • Twitch fornisce tag agli streamer transgender, di colore e con disabilità, ma non protezione

Twitch fornisce tag agli streamer transgender, di colore e con disabilità, ma non protezione

Scritto da in data 3 Luglio 2021 0 90 Views

I tag tanto attesi sulla piattaforma di proprietà di Amazon hanno permesso agli streamer di trovare community, ma anche molestatori.

È stato un mese vorticoso per Anne Atomic. La streamer ha visto la sua stella iniziare improvvisamente a salire nella stratosfera alla fine di maggio, quando Twitch ha introdotto sia una sezione per Pools, Hot Tube and Beaches che centinaia di nuovi tag, tra cui un’opzione particolarmente richiesta da tempo: “transgender”. Per Anne Atomic, questi si sono rivelati una potente combinazione; a giugno, il suo pubblico regolare è passato da cifre singole a centinaia di spettatori simultanei. Ma una maggiore attenzione ha significato anche una constante esposizione, imbarcata infatti dai transfobi, che hanno bombardato la sua chat con commenti brutti e invasivi. E ora, poche settimane dopo, Twitch ha sospeso a tempo indeterminato il suo canale.

Un mese fa, Twitch ha finalmente dato agli streamer ciò che chiedevano da anni: centinaia di nuovi tag, molti legati a identità e sfondi specifici come “transgender”, “di colore” e “disabilità”. Strutturalmente parlando, questo è stato un grosso problema. Twitch è una piattaforma con poche preziose vie di scoperta oltre a un rudimentale algoritmo di raccomandazione, una funzione di ricerca limitata e il flusso e riflusso volubile di categorie specifiche, che di solito sono dedicate a singoli giochi o focus più ampi, come Just Chatting. La piattaforma trabocca di milioni di streamer e la maggior parte di coloro che iniziano in piccolo senza mezzi esterni per crescere rimangono piccoli per sempre. I nuovi tag, almeno, contribuiscono in parte alla risoluzione di questo problema, specialmente per gli streamer emarginati che in precedenza avevano difficoltà a trovare nuovi spettatori l’uno con l’altro.

Ma Twitch ha sempre esitato ad aggiungere tag basati sull’identità, in parte a causa dei timori legati alle molestie. Se le masse in malafede possono cliccare su un singolo tag e avere accesso a centinaia o migliaia di potenziali vittime emarginate, rende il loro hobby meschino molto più facile, o almeno così si pensava. Nell’ultimo mese, streamer come Anne Atomic hanno sperimentato l’intera gamma di alti e bassi che questi nuovi tag hanno portato con sé.

Le parole di Anne: “Penso che sia semplicemente inevitabile con il tag. Tuttavia, non siamo costretti a usarlo. Potrei facilmente trasmettere in streaming senza mettere che sono trans da nessuna parte e nessuno lo metterebbe in dubbio. Ma preferisco non nascondere chi sono e uso la piattaforma come mezzo per educare le persone”.

Altri streamer, alcuni che hanno subito molestie a causa di tag e altri che non l’hanno fatto, si sentono ampiamente allo stesso modo: il bene di questi nuovi tag, non porta grandi sistemi educativi.

Aggiungiamo che; a riprova di ciò, la streamer ha indicato un’e-mail che ha ricevuto di recente dal team di partnership di Twitch, che l’ha informata allegramente che era “sulla strada giusta” per diventare un partner di Twitch e che volevano solo osservare la nuova crescita del suo canale per ancora un po’ prima di aggiornarla allo stato di partner. Twitch non ha suggerito che avesse bisogno di alterare il suo contenuto in alcun modo. La tutela per questi nuovi tag quindi, non è garantita.

Fr3nkMara
  Novità
Copyrighted.com Registered & Protected